Diario calabrese di cultura e iniziativa politica Radicale

Abolire la miseria » Articoli per l'argomento 'Libri'

Giudici, di Andrea Camilleri, Giancarlo De Cataldo e Carlo Lucarelli Non ci sono commenti

La copertina del libro Giudici, di Camilleri, De Cataldo e Lucarelli.

La copertina del libro Giudici, di Camilleri, De Cataldo e Lucarelli.

Il risvolto di copertina:

Il giudice Efisio Surra è catapultato da Torino a Montelusa, e con il suo candore e la sua tenacia vince la prima battaglia dell’Italia unita contro la Fratellanza, non ancora «Maffia».
Un giudice ragazzina si trova di colpo ridotta in clandestinità, nel bel mezzo di una guerra senza esclusione di colpi, alla fine degli anni Settanta.
Un procuratore duella da una vita con il molto spregiudicato sindaco di Novere, e da una vita perde: fino a quando non capisce che il duello non era ad armi pari.
Tre grandi scrittori di oggi mettono al centro della loro osservazione la figura, carica di conflitti e tensioni, di chi ha scelto nella vita di amministrare la giustizia, per conto di tutti noi. E si collegano a una tradizione che va da Manzoni a Sciascia, da Dostoevskij a Kafka.

Dal sito internet dell’Editore Einaudi: Leggi l’intero intervento

Per tutti quelli che pensano che si stava meglio quando si stava peggio… Non ci sono commenti

La copertina del libro di Mario Calabresi Cosa tiene accese le stelle

La copertina del libro di Mario Calabresi Cosa tiene accese le stelle

Bravo a Mario Calabresi, direttore della “Stampa” di Torino con il suo ultimo libro “Cosa tiene accese le stesse”. Un po’ autobiografico, curioso e brillante, interviste convincenti e la lavatrice che apre e chiude il libro come parte geniale! Un vero libro ottimista, sinceramente ottimista e gradevole che su più pagine mi ha davvero emozionato.

La Mondadori da questo collegameto concede la lettura del primo capitolo gratis.

Il risvolto di copertina:

«Una sera di novembre del 1955 mia nonna, che aveva quarant’anni, riconquistò la libertà e si sentì felice: aveva preso in mano un libro ed era riuscita a leggere qualche pagina prima di addormentarsi.» Di solito Maria, la nonna di Mario Calabresi, andava a letto esausta, dopo una giornata spesa a lavare montagne di lenzuola e pannolini. Quella sera, quella in cui per la prima volta aveva usato la lavatrice, è stata, nei suoi ricordi, lo spartiacque tra il prima e il dopo. Leggi l’intero intervento

Terra venduta Non ci sono commenti

La copertina del libro Terra venduta di Claudio Cordova - Laruffa Editore - 2010

La copertina del libro Terra venduta di Claudio Cordova - Laruffa Editore - 2010

«Ho poggiato i piedi sul torrente Oliva, in provincia di Cosenza, dove sono stati rilevati tassi di radioattività fuori dalla norma. Ho gettato lo sguardo a Crotone per vedere l’area della Pertusola Sud, i cui veleni hanno ammorbato gli operai, negli anni di attività, e i bambini, che andavano a scuola in edifici costruiti sulle scorie, dopo la dismissione. Ho prestato le orecchie a Melito Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria, per ascoltare paure, sospetti e segreti della popolazione, alle prese col dubbio, inquietante, di avere mare e terra contaminati. Sono stato a Cosoleto e nella Piana di Gioia Tauro, dove la gente si ammala e muore. Ho studiato i dati ufficiali delle incidenze di tumori, leucemie e linfomi. E poi ho raccontato i traffici della Centrale Enel, in Puglia, fino alla zona di Capo d’Armi, sulla costa ionica reggina, che sono alcentro dell’inchiesta “Leucopetra”. Ho visitato i luoghi che sarebbero il teatro dei presunti traffici di rifiuti radioattivi e tossici: ho vissuto tutto in prima persona. Racconto quello che ho visto, ascoltato e appreso».

Il marchio di Caino Non ci sono commenti

La copertina del libro di Tom Knox Il marchio di Caino

La copertina del libro di Tom Knox Il marchio di Caino

Tom Knox – Il Marchio di Caino – Longanesi, 2010.

Il risvolto di copertina

Che cosa accomuna il deserto della Namibia alle chiese dei villaggi sperduti nei Pirenei baschi? Qual è il legame fra il monastero costruito da Le Corbusier e il campo di concentramento di Gurs in Francia? Nessuno lo deve sapere. Perché un’intera popolazione nel cuore dell’Europa è stata perseguitata per secoli fino ad arrivare alle soglie dell’estinzione? Nessuno lo deve sapere. Chi sta uccidendo in modo efferato alcuni anziani dalla ricchezza insospettabile? Qual è il segreto che gli assassini stanno cercando di proteggere? Nessuno lo deve sapere. Il viaggio nei Pirenei dell’avvocato David Martinez non è una semplice ricerca delle proprie origini familiari. Inseguito da un feroce terrorista basco, David capirà che per risolvere il mistero della morte improvvisa e violenta dei genitori dovrà sciogliere un enigma ancora più grande e sconvolgente. Un enigma che ha radici nel periodo del nazismo e che getta un’ombra sinistra sulla Chiesa. O forse ha origini ancora più remote, nascoste in oscuri passaggi biblici che parlano di un popolo maledetto da Dio e dagli uomini. Un popolo che recava su di sé il marchio di Caino.

Socrate attraverso Luciano De Crescenzo Non ci sono commenti

La copettina del libro di Luciano De Crescenzo: "Socrate".

La copettina del libro di Luciano De Crescenzo: "Socrate".

Il retrocopertina

«C’è chi s’innamora di Sofia ioren, chi di Marx, e chi per tutta la vita porta fiori sulla tomba di Rodolfo Valentino. Io ho capito che il grande amore della mia vita è Socrate. In questo libro ho raccolto. quanto su di lui ho scritto in Storia della filosofia greca, 01 dialogoi e I miti dell’amore.» Con queste parole Luciano De Crescenzo rende omaggio al padre nobile del pensiero occidentale, ritraendolo dal vivo nella splendida Atene e riproponendone la saggezza ai giorni nostri. E soprattutto regalandoci un altro piccolo capolavoro di saggezza e leggibilità. Leggi l’intero intervento

Robert Musil, “I turbamenti del giovane Törless Non ci sono commenti

La copertina del libro di Albert Musil "I turbamenti del giovane Törless"

La copertina del libro di Albert Musil "I turbamenti del giovane Törless"

Il retrocopertina:

In questo romanzo, che si apre e si chiude con l’immagine di una stazione, il giovane Tòrless compirà un duplice viaggio: reale e immaginario. Tra il momento dell’arrivo e quello della partenza, nella rigida accademia militare si generano esperienze adolescenziali destinate a suscitare profondi turbamenti: l’incontro con la squallida prostituta Boena e la relazione omoerotica col compagno Basini sono inquietanti tentativi di colmare quel vuoto che nel processo di crescita si determina dopo la separazione dai genitori.
Un vuoto che Tòrless riuscirà a superare volgendosi alla sublimazione e alla elaborazione intellettuale, grazie alle quali potrà raggiungere una propria emancipazione. Così, quando abbandonerà l’accademia, dove era stato un “giovane senza esperienza”, potrà avviarsi verso il futuro e divenire un “uomo senza qualità”, l’embiematico protagonista del successivo romanzo di Robert Musil. Leggi l’intero intervento

LA MAGIA DEL LIBRO Non ci sono commenti

Una biblioteca - Foto: radioher

Una biblioteca - Foto: radioher

Hermann Hesse, premio Nobel per la letteratura nel 1946, scrisse sulla scrittura, i libri e la lettura, nel 1930, questo passaggio:

“Non ci lasceremo privare della rallegrante certezza che un progresso sia effettivamente avvenuto, e non possiamo che compiacerci del fatto che leggere e scrivere non siano più il privilegio d’una casta o d’una corporazione, e che anzi, dall’invenzione dei caratteri da stampa in poi, il libro sia divenuto un oggetto d’uso e di lusso diffuso su larghissima scala, che le forti tirature gli consentano d’essere venduto a basso prezzo e che ogni popolo possa, così, rendere accessibili i suoi libri migliori (i cosiddetti “classici”) anche ai meno abbienti. Leggi l’intero intervento

Avvelenati Non ci sono commenti

La copetina del libro Avvelenati

La copetina del libro Avvelenati

Avvelenati, è un po’ un crono documentario sulla vicenda delle navi dei veleni esplosa in Calabria nel 2009 a seguito delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Francesco Fonti; come concludono gli autori sono molte le domande aperte pur essendo formalmente il caso chiuso. Fonti è stato valutato inattendibile, ma la sensazione rimasta fra la gente e nelle istituzioni locali e che non si sia voluto andare fino in fondo per scoprire la verità. Anche i giornali, locali e nazionali, hanno mollato la presa e restano solo alcuni comitati di cittadini e associazioni a seguire la vicenda; eppure c’è ancora molto da seguire e scoprire poiché nel letto del fiume Oliva è accertata la presenza di rifiuti tossici che in questi mesi sono analizzati per capire di che sostanze si tratta. E presso la Procura della Repubblica di Paola resta in piedi l’inchiesta su questo versante grave e che potrebbe scoperchiare il tappo della bottiglia che tiene imprigionata la verità e anche altre verità, altre vicende di rifiuti smaltiti illegalmente in Calabria a scapito dell’ambiente e della salute dei cittadini. La presenza di un’enorme quantità di rifiuti tossici, forse anche di metalli pesanti, seppelliti nel letto di un fiume non è vicenda marginale e forse in questo momento si sta sottovalutando questa situazione, un po’ come delusi dei grandi scandali che non sono scoppiati e con l’impressione che le cose che sono state scoperte sono troppa poca cosa per indignarsi e pretendere la verità.

Alfabeto Bonino Non ci sono commenti

La copertina del libro di Emma Bonino Alfabeto Bonino

La copertina del libro di Emma Bonino Alfabeto Bonino

Alfabeto Bonino, di Emma Bonino, attraverso la formula del micro capitolo, ordinati appunto in ordine alfabetico, percorre il pensiero e la vita politica di Emma Bonino, ottimamente sintetizzata da Cristina Sivieri Tagliabue. Pulita, limpida, chiara, questi gli aggettivi che caratterizzano Emma Bonino, in questo momento Vice Presidente del Senato e già candidata al governo della Regione Lazio in contrapposizione a Renata Polverini che è poi diventata governatrice. Una carriera di azioni concrete e importanti, sempre a fianco del leader storico dei Radicali, in Italia, Marco Pannella Leggi l’intero intervento

Così in terra, come in cielo 1 comment

La coperttina del libro di Don Andrea Gallo Così in terra come in cielo

La coperttina del libro di Don Andrea Gallo Così in terra come in cielo

Don Andrea Gallo non è classificabile come persona poiché gli aggettivi restituirebbero una sua immagine o grottesca (e sarebbe davvero ingeneroso) oppure strabiliante (e lo stesso Andrea Gallo respingerebbe questo concetto). Don Andrea Gallo è semplicemente un uomo raro; incarna ciò che la Chiesa dovrebbe sempre essere: includente, a favore, per, tutti e maggiormente per gli ultimi. Un vero esempio che con questo libro costruito attraverso una serie di episodi vissuti descrive con semplicità il mondo di cui si occupa e che spesso si fa finta di non vedere.

Il risvolto di copertina Leggi l’intero intervento

Le navi dei veleni Non ci sono commenti

Le navi dei veleni – Massimo Clauysi e Roberto Grandinetti – Rubettino – ottobre 2009

La copertina del libro Le navi dei veleni

La copertina del libro Le navi dei veleni

È il 2004 quando un pentito della ‘ndrangheta consegna alla direzione nazionale antimafia un voluminoso dossier scritto di suo pugno, dove parla di traffici legati allo smaltimento di rifiuti tossici e radioattivi in cui è implicata la ‘ndrangheta e i servizi segreti deviati. Il pentito apre scenari da spy story in un intreccio complicatissimo fra malavita, misteriosi uomini d’affari, servizi segreti deviati, compiacenze di Stato. Un intreccio che porta alle morti della giornalista del Tg3, Ilaria Alpi, e a quella sospetta del capitano di corvetta, Natale De Grazia. Nessuno crede fino in fondo a questi racconti a eccezione delle associazioni ambientaliste. Leggi l’intero intervento

Paradiso su commissione di Egidio Amendola Non ci sono commenti

Paradiso su commissione – romanzo – Egidio Amendola – embryo edizioni – 2009

La copetrtina del libro "Paradiso su commissione" di Egidio Amendola.

La copertina del libro di Egidio Amendola

PORCATELEVISIONE!!!

“Non vedevo l’ora di sparire, l’aria pesava come un tir con rimorchio e io ero in affanno, con un killer regolare alla schiena e un tizio senza scrupoli davanti. Bastava una mossa sbagliata e mi avrebbero fatto fuori solo per concedersi un diversivo. Ero a mio agio come se indossassi mutande di sei taglie più piccole.”

Il primo autore di una piccola casa editrice, ma con le idee e i progetti molto chiari, alla quale mi piace far giungere il mio apprezzamento e i migliori auguri.

Oltre, di Vincenzo Perrellis. Non ci sono commenti

La copertina del libro di Vincenzo Perrellis, Oltre.

La copertina del libro di Vincenzo Perrellis, Oltre.

Oltre – Romanzo – Vincenzo Perrellis – Pellegrini Editore – Cosenza 2009

“Un romanzo particolare, intenso, in cui il tema dell’omosessualità è calato nel lontano Cinquecento in una comunità albanese della Calabria -scrive l’arcigay-. I due personaggi, Stefan e Aristej, vivono un amore travolgente eppure profondamente osteggiato che li condurrà verso un destino doloroso”.
Così la quarta di copertina: “Era comune tra maschi, durante l’adolescenza, cercare il confronto, scoprire la maturità sessuale, dimostrata e sancita attraverso rapporti che assumevano il valore di riti iniziatici. Con la maturità avrebbero rinnegato il disordine della natura umana per adattarsi all’ordine sociale. …Iniziò a cadere una pioggia densa e sottile. Una larga macchia vermiglia si allargava sulla camicia d’Aristej. Non sentiva dolore, ma non riusciva a muoversi e ad aprire gli occhi. Udiva i singhiozzi delle donne adunatesi. Un rigagnolo iniziava a districarsi tra la polvere della strada, come di un maiale appena sgozzato”.

Patrizia Daddario: gradisca Presidente. Non ci sono commenti

La copertina del libro di Patrizia Daddario

La copertina del libro di Patrizia Daddario

Gradisca Presidente – Patrizia Daddario con Maddalena Tulanti – Aliberti editore – 2009

Il libro è di facile lettura, documentato e rappresentativo perché verificato dall’ottima giornalista e vice direttrice del Corriere del Mezzogiorno, dorso del Corriere della Sera, Maddalena Tulanti. La Signora Daddario racconta la sua verità con dignità e ne emerge un quadro del Presidente del consiglio, dal profilo privato, squallido e certamente in forte contraddizione con l’immagine pubblica sua e della maggioranza di governo. L’aspetto inquietante della vicenda è come in casa di un capo di governo si possa con tanta facilità organizzare feste con persone sconosciute, purché graziose e in “tubino nero”. Un altro aspetto che emerge dal profilo del Presidente del consiglio è la disinvoltura con la quale pubblicamente sono propinate vere e proprie menzogne a sostegno di versioni parziali e contrastanti dei fatti; la versione della Daddario non è mai cambiata fin dal primo momento. Casa delle più alte cariche dello Stato non sono luoghi comuni e non è irrilevante cosa accade in questi luoghi, questo libro squarcia ogni opacità e presenta, che piaccia o no, una realtà che il cittadino ha tutto il diritto di giudicare. Leggi l’intero intervento

La vita senza limiti. Il libro di Beppino Englaro Non ci sono commenti

La copertina del libro La vita senza limiti di Beppino Englaro

La copertina del libro La vita senza limiti di Beppino Englaro

La vita senza limiti – Beppino Englaro con Adriana Pannitteri – La morte di Eluana in uno stato di diritto – Rizzoli – 2009

Nessuna famiglia dovrà patire
quello che abbiamo subìto.
Io posso solo continuare a
battermi per una legge che
rispetti la persona, che non dia
ad altri se non a lei stessa il diritto
di decidere del proprio corpo.

Il 9 febbraio 2009 Eluana Englaro moriva. Ci sono voluti 6233 giorni perché il padre potesse liberarla e dirle addio; diciassette anni di vita sospesa fra la vita e la morte, durante i quali Beppino Englaro ha lasciato il suo lavoro e si è immerso nelle carte. Leggi l’intero intervento

Torna ad inizio pagina / Abbonati a questo feed (RSS)