Diario calabrese di cultura e iniziativa politica Radicale

Abolire la miseria » Gli articoli di 'Certi Diritti'

LE POLITICHE DELLA LAICITÀ E DELLA GIUSTIZIA Non ci sono commenti

COSENZA, sabato 31 Marzo
ore 9:30 c/o Libreria Ubik (Via Galliano 4)

saluti
MARIA FRANCESCA CORIGLIANO
Assessore alla Cultura-PROVINCIA DI COSENZA

intervengono:
ANTONINO MANTINEO docente universitario
MASSIMO LA TORRE docente universitario

FRANCO DIONESALVI giornalista, scrittore
ANDREA PORCIELLO docente universitario

testimonianze:
Elena Giorgiana Mirabelli (Officine Corsare-Torino)
Marco Marchese (direttivo nazionale ASSOCIAZIONE CERTI DIRITTI)

interventi programmati

(Emanuela Bilotti, avvocato,
Luigi Mariano Guzzo, giornalista)

conclude

VINCENZO SCALIA
DIRETTIVO NAZIONALE ANTIGONE ONLUS

V Congresso dell’associazione radicale Certi Diritti a Milano Non ci sono commenti

il banner del quinto congresso dell'Associazione Radicale Certi Diritti

il banner del quinto congresso dell'Associazione Radicale Certi Diritti

Clicca qui per tutte le informazioni

InformeRai sulle libertà sessuali e le discriminazioni di genere Non ci sono commenti

Reclama il tuo diritto all’informazione su libertà sessuali e discriminazione di genere!

InformeRai sulle libertà sessuali e le discriminazioni di genere - Clicca sul banner per firmare la denuncia

InformeRai sulle libertà sessuali e le discriminazioni di genere - Clicca sul banner per firmare la denuncia

Chiedi con noi all’autorità garante delle comunicazioni, l’Agcom, che la Rai finalmente apra un dibattito pubblico sulle libertà sessuali e le discriminazioni di genere!

Informano sulla struttura della società italiana che comprende centinaia di migliaia di famiglie non tradizionali e fra queste le coppie omosessuali con e senza figli, che risultano attualmente prive di riconoscimento giuridico? O che la riforma del diritto di famiglia è una necessità avvertita da milioni di cittadini mentre in Parlamento giacciono numerose proposte di legge in tal senso?

Ancora una volta l’informazione del servizio pubblico lascia a desiderare.

Che dire poi della prostituzione, un fenomeno sociale mai discusso se non in chiave moralistica o di ordine pubblico; delle malattie sessualmente trasmesse, che sono in drammatico aumento e dell’informazione sull’Aids, per fare un esempio, che a trent’anni dall’inizio della pandemia è relegata a spazi sporadici.

E le persone transessuali e intersessuali particolarmente bersaglio di disinformazione ed ignoranza che hanno difficoltà nel far valere i propri diritti nel campo del lavoro, della scuola, della salute e nella vita sociale?

Se sei un telespettatore Rai, probabilmente non ne sai nulla! Allora denuncia la Rai per questa informazione che ti nega!

Chiedi con noi all’autorità garante delle comunicazioni, l’Agcom che la Rai finalmente apra un dibattito pubblico sulle libertà sessuali e le discriminazioni di genere!

FIRMA LA DENUNCIA !

Torna ad inizio pagina / Abbonati a questo feed (RSS)